Includi: tutti i seguenti filtri
× Sezione coop

Trovati 384 documenti.

La felicità dell'attesa
0 0
Materiale linguistico moderno

Abate, Carmine <1954- >

La felicità dell'attesa : romanzo / Carmine Abate

Milano : Mondadori, 2015

Caffè amaro
0 0
Materiale linguistico moderno

Agnello Hornby, Simonetta

Caffè amaro / Simonetta Agnello Hornby

Milano : Feltrinelli, 2016

Scrivimi ancora
0 0
Materiale linguistico moderno

Ahern, Cecelia

Scrivimi ancora / Cecelia Ahern

Milano : BUR, 2009

Un adulterio
0 0
Materiale linguistico moderno

Albinati, Edoardo

Un adulterio / Edoardo Albinati

[Milano] : Rizzoli, 2017

Ragazze elettriche
0 0
Materiale linguistico moderno

Alderman, Naomi

Ragazze elettriche / Naomi Alderman ; traduzione di Silvia Bre

Milano : Nottetempo, 2017

Che rabbia!
0 0
Materiale linguistico moderno

Allancé, Mireille : d'

Che rabbia! / Mireille d'Allancé

Milano : Babalibri, 2012

La casa degli spiriti
0 0
Materiale linguistico moderno

Allende, Isabel

La casa degli spiriti / Isabel Allende

Milano : Feltrinelli, 1990

Io non ho paura
0 0
Materiale linguistico moderno

Ammaniti, Niccolò

Io non ho paura / Niccolò Ammaniti

Torino : Einaudi, c2001

Il momento è delicato
0 0
Materiale linguistico moderno

Ammaniti, Niccolò

Il momento è delicato / Niccolò Ammaniti

Milano : Mondolibri, stampa 2012

Il partigiano Edmond
0 0
Materiale linguistico moderno

Appelfeld, Aharon

Il partigiano Edmond / Aharon Appelfeld ; traduzione di Elena Loewenthal

Milano : U. Guanda, 2017

Abstract: Ucraina, ultimo anno di guerra. Sfuggito per un soffio alla deportazione, Edmond a diciassette anni è entrato in una banda di partigiani ebrei capeggiata dal carismatico Kamil. Gli addestramenti quotidiani, la vita comunitaria, le incursioni per procurarsi viveri e armi lo hanno irrobustito nella mente e nel corpo, facendo del liceale di buona famiglia, scombussolato dai primi turbamenti amorosi, un uomo pronto a fronteggiare la morte e - quel che per certi versi sembra ancora più difficile - le proprie radici e i ricordi: la fede degli avi, il distacco dai genitori e la distanza emotiva, l'indifferenza nei loro confronti nell'ultimo periodo trascorso insieme, che ora gli appare imperdonabile. Stare con i partigiani di Kamil - fra i quali spiccano per la luminosa umanità il vicecomandante Felix, nonna Tsirel, la cuoca Tsila, il gigante Danzig, che si occupa con infinita tenerezza di un trovatello, e tanti altri - significa riscattarsi, riguadagnare uno scopo che renda la vita sopportabile e degna di essere vissuta: proteggere i più deboli, salvarli, votarsi a loro con dedizione assoluta, dissipare almeno un poco la tenebra in cui il mondo sembra immerso. Dopo essersi temprato nella terra dell'acqua, una regione paludosa perfetta per la guerriglia contro gli occupanti tedeschi, il gruppo intraprende infine la lunga ascesa verso la vetta, il luogo ideale per mettersi in sicurezza e realizzare l'obiettivo più ardito: far deragliare i treni destinati ai lager, in attesa di poter tornare a casa

Patria
0 0
Materiale linguistico moderno

Aramburu, Fernando

Patria : [romanzo] / Fernando Aramburu ; traduzione di Bruno Arpaia

Milano : Guanda, 2017

Cronache di un gatto viaggiatore
0 0
Materiale linguistico moderno

Arikawa, Hiro - Guarino, Daniela

Cronache di un gatto viaggiatore / Hiro Arikawa ; traduzione di Daniela Guarino

Milano : Garzanti, 2017

Abstract: Nana è un gatto randagio che vive di espedienti. Con la sua bizzarra coda a forma di sette è fiero della sua indipendenza. Ma un giorno ha un incidente. A salvarlo e a prendersi cura di lui è Satoru. Nana all'inizio non si fida, graffia e si ritrae. Non è abituato all'affetto degli uomini. Anche Satoru da tanto tempo non permette a qualcuno di avvicinarsi. Eppure capisce subito come far cambiare idea a Nana: un po' di cibo, una cuccia calda, qualche coccola furtiva. E tra i due nasce un'amicizia speciale che riempie la loro vita. Fino al giorno in cui Satoru deve trasferirsi e non può più occuparsi di Nana. È allora che i due decidono di fare un viaggio, su una vecchia station wagon color argento, per trovare un nuovo padrone tra le amicizie di Satoru. Tra filari di betulle bianche, peschi c canne di bambù, attraverso un Giappone pieno di colori, profumi e panorami dal fascino infinito, incontrano il migliore amico di Satoru da bambino, la prima donna che ha amato e poi perso e il suo compagno di scorribande delle medie. Ma nessuno di loro può prendersi cura di Nana. Sarà invece quest'ultimo ad arricchire le loro vite ricordando quali sono le cose importanti, quelle che regalano gioia e serenità. E quando il viaggio è quasi alla fine, il gatto e il suo padrone capiscono che non possono fare a meno l'uno dell'altro. E che, qualunque cosa accada, vogliono stare insieme. Nonostante tutto. Nonostante ci sia una verità che Satoru non ha il coraggio di dire a Nana. Eppure non ha più importanza. Perché il loro legame durerà per sempre

Terra ferma
0 0
Materiale linguistico moderno

Asensi, Matilde

Terra ferma / Matilde Asensi

Milano : BUR, 2009

La vendetta di Siviglia
0 0
Materiale linguistico moderno

Asensi, Matilde

La vendetta di Siviglia / Matilde Asensi

[Milano] : BUR Rizzoli, 2011

Resta con me
0 0
Materiale linguistico moderno

Ashcraft, Tami Oldham <1960- >

Resta con me / Tami Oldham Ashcraft ; con Susea McGearhart ; traduzione di Seba Pezzani

Milano : HarperCollins, 2018

L'orecchio di Malco
0 0
Materiale linguistico moderno

Aspe, Pieter

L'orecchio di Malco / Pieter Aspe ; traduzione di Ciro Garofalo

Roma : Fazi, 2017

L'altro inizio
0 0
Materiale linguistico moderno

Atwood, Margaret

L'altro inizio : [romanzo] / Margaret Atwood ; traduzione di Francesco Bruno

[Milano] : Ponte alle Grazie, 2014

Resto qui
0 0
Materiale linguistico moderno

Balzano, Marco

Resto qui / Marco Balzano

Torino : Einaudi, 2018

Io so chi sei
0 0
Materiale linguistico moderno

Barbato, Paola

Io so chi sei / Paola Barbato

Milano : Piemme, 2018

Abstract: Sono passati solo due anni, e di tutto ciò che è stata non è rimasto nulla. Lena era brillante, determinata, brava a detta di tutti, curata, buona. Poi nella sua vita era entrato Saverio, e tutto era stato stravolto. Quel ragazzo più giovane, che viveva per essere contro qualsiasi regola, pregiudizio, conformità, l'aveva trasformata. E non erano solo i vestiti, i capelli, le parole. Era lei, le sue sicurezze, il suo amor proprio. Tutto calpestato in nome di un amore che agli occhi di tutti gli altri era solo nella sua testa. Il giorno in cui lui era finito in Arno, dato per disperso prima e per morto poi, qualcosa in Lena si era spento definitivamente. Sono passati due anni, e di Saverio le resta il cane Argo, che ancora la vive come un'usurpatrice, e un senso di vuoto dolente e indistruttibile. La sera in cui trova nella cassetta della posta un cellulare, Lena pensa che si tratti di uno scherzo, oppure di uno sbaglio. Ma bastano pochi minuti per rendersi conto che quell'oggetto può cambiare la sua vita. Perché i messaggi che arrivano, e a cui lei non può rispondere, parlano di cose che solo Saverio può sapere. E quindi è vivo. È tornato. Così, senza che Lena se ne accorga, quell'oggetto diventa l'unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace. Perché se lei farà la brava, lui rientrerà nella sua vita. O questo è ciò che pensa. Almeno fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire. E il gioco si fa sempre più crudele. E la prossima vittima prescelta potrebbe essere lei.

Non ti faccio niente
0 0
Materiale linguistico moderno

Barbato, Paola

Non ti faccio niente / Paola Barbato

Milano : Piemme : Mondadori, 2018

Abstract: 1983. L'uomo seduto nella macchina blu è nuovo di quelle parti, ma Remo non ha paura, non sa che cosa sia un estraneo. L'uomo ha tra le mani un passerotto caduto dal nido, almeno così dice, e chiede a Remo di aiutarlo a prendersene cura. Il bambino, sette anni passati quasi tutti per strada, che i genitori hanno altri pensieri, non esita neppure per un attimo. E sale. Tre giorni dopo viene restituito alla famiglia, illeso nel corpo e nell'anima; racconta di un uomo biondo, bellissimo, che lo ha riempito di regali e che ha giocato con lui, come nessun adulto aveva mai fatto. Non è la prima volta che succede e non sarà l'ultima. Trentadue bambini in sedici anni. Tutti tenuti per tre giorni da un uomo che cerca di realizzare i loro desideri e li restituisce alla famiglia, felici. Quando la polizia comincia a collegare i rapimenti lampo, l'uomo scompare. 2015. Il padre di Greta non è mai arrivato una sola volta in ritardo a prenderla. Ma lo sgomento negli occhi della maestra gli fa capire che qualcosa non va, perché Greta a scuola non è mai entrata. Scompare così, la figlia di Remo Polimanti, come lui era scomparso trent'anni prima. Anche lei viene subito restituita alla famiglia, ma priva di vita. Greta non è che la tappa iniziale di una scia di sangue che collega i figli dei bambini rapiti anni prima. Ma perché il rapitore "buono" si è trasformato in un assassino? O forse c'è qualcuno che intende emularlo. O sfidarlo. O punirlo