Includi: tutti i seguenti filtri
× Materiale Video
× Nomi Camilleri, Andrea <1925-2019>
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Editore *01 *Distribution

Trovati 68 documenti.

Tocco d'artista
0 0
Videoregistrazioni: DVD

Tocco d'artista / regia di Alberto Sironi ; dal racconto Tocco d'artista tratto dalla raccolta Un mese con Montalbano di Andrea Camilleri

Roma : Elleu Media : San Paolo audiovisivi, c2003

Abstract: Il famoso orafo Alberto Larussa viene trovato morto sulla sedia a rotelle con il corpo completamente carbonizzato. Tutti gli indizi fanno pensare che si tratti di suicidio. La stessa notte a Vigata un elettricista è stato ucciso a colpi di pistola. Ad indagare è il vice di Montalbano, Mimi Agello. Montalbano, però, non è completamente convinto della tesi di suicidio. I suoi dubbi aumentano quando un vicino di casa di Larussa sostiene che un'auto è uscita a tutta velocità dalla villetta proprio la notte del 'suicidio

Il ladro di merendine
0 0
Videoregistrazioni: DVD

Il ladro di merendine / regia di ALberto Sironi ; dal romanzo di Andrea Camilleri

Roma : Elleu Media : San Paolo audiovisivi, c2003

Abstract: Il commissario Montalbano indaga sull'omicidio di un certo La Pecora, titolare di una compagnia di import-export. La vedova sospetta che il marito sia stato assassinato dalla sua amante Karima, una giovane tunisina scomparsa misteriosamente lo stesso giorno dell'omicidio di La Pecora. Montalbano trova il figlio di Karima, François, un bimbo di 5 anni che era sopravvissuto, dopo la scomparsa della madre, rubando le merendine ai coetanei. Il bambino racconta a Montalbano che la madre è stata costretta con la forza a salire su una macchina e non ha piú fatto ritorno da lui. Montalbano scopre, durante le indagini, che Karima è la sorella del terrorista tunisino Ahmed Moussa, anch'egli morto in circostanze misteriose lo steso giorno in cui è morto La Pecora. Montalbano capisce che i due eventi sono collegati e che Ahmed si è servito della sorella per convincere il vecchio La Pecora a fornire - attraverso la sua compagnia- una copertura al gruppo terroristico tunisino.

La voce del violino
0 0
Videoregistrazioni: DVD

La voce del violino / regia di Alberto Sironi

Roma : Elleu Media : San Paolo audiovisivi, c2003

Abstract: Montalbano trova casualmente, in una villa fuori dal paese, il cadavere di una giovane e bellissima donna completamente nuda. Il commissario inizia le indagini e scopre che la morta, Michela Licalzi, aveva di recente acquistato la villa ed era giunta in Sicilia da Bologna per restaurarla. In seguito ad alcuni contrasti tra polizia scientifica e lo stesso Montalbano l'indagine viene affidata al commissario Panzacchi. Quest'ultimo giunge alla conclusione che l'assassino sia un giovane del paese, un ritardato mentale, perdutamente innamorato di Michela e scomparso la notte stessa dell'omicidio. I poliziotti si mettono sulle sue tracce e ,per difendersi da un suo presunto lancio di bomba a mano, gli sparano e lo uccidono. Poche ore dopo Montalbano viene a sapere che lo sfortunato giovane non teneva in mano una bomba bensì una delle sue scarpe e che il puerile piano era stato architettato da Panzacchi per coprire la leggerezza dei suoi uomini. Il caso viene riaffidato a Montalbano, il quale proseguendo le indagini giunge ad alcune clamorose verità.

Il senso del tatto
0 0
Videoregistrazioni: DVD

Il senso del tatto / regia di Alberto Sironi ; dal racconto Amore e fratellanza tratto dalla raccolta Gli arancini di Montalbano di Andrea Camilleri

Roma : Elleu Media : San Paolo audiovisivi, c2003

Abstract: Enea Silvio Piccolomini, detto Nenè, cieco per un incidente di lavoro, viene trovato morto nella povera casa dove viveva insieme al suo cane Orlando. Sembra morto avvelenato dal gas del fornello lasciato aperto. In realtà, come rivelerà l'autopsia, la causa reale del decesso è il sonnifero che Nenè prendeva ogni sera prima di andare a dormire. Ha sbagliato dose e il suo cuore malato non ha retto. Nenè risulta essere tra gli assistiti di una associazione caritatevole 'Amore e Fratellanza', presieduta dall'Ing. Mario Di Stefano, a cui appartiene il cane Orlando. Montalbano si affeziona al cane portandolo con sé a casa. Montalbano, che non crede alla tesi dell'incidente, riesce a convincere Livia a seguirlo a Levanza, spacciando una missione di lavoro con una rilassante vacanza.

Il commissario Montalbano
0 0
Monografie

Il commissario Montalbano / regia di Alberto Sironi ; dai romanzi di Andrea Camilleri ; musiche di Franco Piersanti ; sceneggiatura di Francesco Bruni...[et al.]

Roma : Elle U Multimedia ; Rai trade, [2003- ?]

Il commissario Montalbano. Gli arancini di Montalbano
0 0
Videoregistrazioni: DVD

Sironi, Alberto

Il commissario Montalbano. Gli arancini di Montalbano / regia: Alberto Sironi

[S.l.] : ElleU, RAI Eri, 2013

Abstract: In fondo a una scarpata, ci sono i corpi senza vita del commendator Pagnozzi e della sua seconda moglie Stefania. Incidente o messinscena? C'Þ collegamento con il furto avvenuto nella loro villa? Il figlio di primo letto di Pagnozzi non la conta giusta. Montalbano cerca risposte, ma deve anche darne a tutti gli inviti che ha ricevuto per il cenone del 31 dicembre. Da una parte Þ certo che sarÓ solo, vista l'azzuffatina finita a schifio con Livia, dall'altra non ci sarebbe miglior piacere degli arancini preparati a casa della fida Adelina...

Il commissario Montalbano
0 0
Videoregistrazioni: DVD

Il commissario Montalbano / regia di Alberto Sironi ; dai romanzi di Andrea Camilleri

Ed. speciale 5 DVD

Roma : RAI Eri, RAI Cinema, 2002

Il commissario Montalbano. Il senso del tatto
0 0
Videoregistrazioni: DVD

Sironi, Alberto

Il commissario Montalbano. Il senso del tatto / regia: Alberto Sironi

[S.l.] : Elleu, Rai trade, 2013

Abstract: A Montalbano il conto del decesso di Enea Silvio Piccolomini non torna come l'incidente che vorrebbe apparire. Cieco e malandato, viveva in una casetta fuori Vigàta, solo con il fedelissimo cane Orlando, fornitogli solennemente da un'opera pia presieduta dall'ingegner Di Stefano. La perdita di gas apparentemente all'origine della sua morte è stata veramente fortuita? E l'opera dell'ambiguo Di Stefano è poi tanto pia quanto onesta pare?