Clarisse Arte

L'aperitivo letterario con 'I borghi ritrovati della Maremma Toscana'

Quando
03 June 2022
Orario
18:00 — 20:00
Categorie
Conferenza/Dibattito, Libri

La rassegna torna venerdì 3 giugno con il libro di Laura Amerini Luzzetti

Tra le pagine un viaggio alla scoperta di tanti scorci di Maremma nei quali il tempo sembra essersi fermato. Da Tatti a Prata, da Montorsaio a Rocchette di Fazio, e ancora Gerfalco, Travale, Batignano, Tatti. Un percorso contenuto nel libro “I borghi ritrovati della Maremma Toscana” di Laura Amerini Luzzetti, che sarà presentato venerdì 3 giugno alle ore 18 nel Chiostro del Polo culturale Le Clarisse in occasione del nuovo appuntamento della rassegna “Gli aperitivi letterari” che la struttura museale di Fondazione Grosseto Cultura organizza in collaborazione con l'associazione Letteratura e dintorni. Il biglietto d'ingresso costa 5 euro (ridotto a 3 euro per i soci di Fondazione Grosseto Cultura) e comprende una degustazione di vini della Fattoria San Felo e una visita al Museo Luzzetti e alla mostra dedicata alle sculture di Tolomeo Faccendi. È consigliata la prenotazione, scrivendo a prenotazioni.clarisse@gmail.com o chiamando il numero 0564 488066. Nell’occasione sarà possibile rinnovare o sottoscrivere la Grosseto Card, la tessera socio di Fondazione Grosseto Cultura.

A presentare l'autrice e il suo libro saranno il direttore del museo, Mauro Papa, con Fulvia Perillo e Celestino Sellaroli, editore e direttore di “Maremma Magazine”. “I borghi ritrovati della Maremma Toscana” infatti riunisce gli articoli pubblicati sulla rivista tra il 2014 e il 2019. Laura Amerini Luzzetti, docente di italiano e storia in pensione, ha insegnato negli istituti scolastici superiori e – da quasi trent'anni – letteratura italiana all’Unitre di Grosseto, sua città natale e di residenza. Ha organizzato attività teatrale come regista e ha recitato in alcuni spettacoli. Scrive dal 2009 sul mensile Maremma Magazine, dedicandosi in particolare a itinerari alla scoperta di castelli e piccoli borghi “dimenticati” della provincia di Grosseto.