Biblioteca Comunale Chelliana di Grosseto

Biblioteca Comunale Chelliana di Grosseto

Dante 700

dante on line

La Divina Commedia: vita e (dopo)morte dei personaggi danteschi

Scopri i principali personaggi incontrati da Dante nel suo viaggio: clicca sul nome per consultare la scheda relativa nell'Enciclopedia Dantesca Treccani, sugli altri link eventualmente presenti per trovare libri attinenti posseduti dalle nostre biblioteche
Virgilio

Publio Virgilio Marone (Publius Vergilius Maro)

Guida di Dante nell'Inferno e nel Purgatorio

Andes (Mantova), 15 ottobre 70 a.C. – Brindisi, 21 settembre 19 a.C.

Poeta romano, autore di: Bucoliche (Bucolica), Georgiche (Georgica), Eneide (Æneis).

Le sue opere nel nostro catalogo

Scrivono di lui



Caronte

Caronte

Inferno III 70-136

Traghettatore dell'Ade: trasportava le anime dei morti da una riva all'altra del fiume Acheronte.

Omero

Omero (Ὅμηρος)

Inferno IV 64-105

Poeta greco tradizionalmente considerato autore dell'Iliade (Ἰλιάς) e dell'Odissea (Ὀδύσσεια), viene incontrato da Dante nel Limbo, insieme ad altri "poeti antichi" (Orazio, Ovidio e Lucano)

Le sue opere nel nostro catalogo

Scrivono di lui

Platone

Platone (Πλάτων)

Inferno IV 134

Atene, 428/427 a.C. – Atene, 348/347 a.C.

Filosofo greco, viene incontrato da Dante nel Limbo, nel castello degli "spiriti magni"

Le sue opere nel nostro catalogo

Scrivono di lui

Minosse

Minosse (Μίνως )

Inferno V 1-24

Personaggio della mitologia greca, figlio di Zeus ed Europa, fu re di Creta. Considerato giusto, divenne uno dei giudici degli Inferi.

Scopri di più sulla mitologia greca e romana

Paolo e Francesca

Francesca da Rimini e Paolo Malatesta

Inferno V 73-108

Francesca, figlia di Guido da Polenta, signore di Ravenna, andò sposa, intorno al 1275-1282, a Gian Ciotto Malatesta, signore di Rimini. Innamoratasi del cognato Paolo, fu con lui uccisa dal marito, tra il 1283 e il 1286.

Scrivono di loro

Cleopatra

Cleopatra ( Κλεοπάτρα Θεὰ Φιλοπάτωρ)

Inferno V 63

70/69 a.C. – Alessandria d'Egitto, 12 agosto 30 a.C.

Regina d'Egitto dal 51 al 30 a.C., fu l'ultima sovrana della dinastia tolemaica

Scrivono di lei

Cerbero

Cerbero (Κέρβερος)

Inferno VI 13-33

Mostruoso cane a tre teste, con il corpo ricoperto di serpenti velenosi; nella mitologia greca è posto a guardia dell'ingresso degli Inferi.

Scopri di più sulla mitologia greca e romana

Ciacco

Ciacco

Inferno VI 34-75

Fra i golosi del terzo cerchio è l'unico a parlare con Dante e pronuncia la prima profezia sulle vicende politiche di Firenze. Il personaggio è citato anche nel Decameron di Boccaccio, ma non è stato individuato storicamente.

Pluto

Pluto (πλούτων)

Inferno VII 1-15

Demone custode del IV Cerchio dell'Inferno (dove sono puniti avari e prodighi). Può essere identificato con Pluto, dio greco delle ricchezze, oppure, più probabilmente, con Plutone, dio degli Inferi e sposo di Proserpina.

Scopri di più sulla mitologia greca e romana

Flegias

Flegias

Inferno VIII 13-30

Personaggio della mitologia classica, figlio di Marte e Crise, tentò di incendiare il tempio di Apollo a Delfi perché il dio aveva sedotto sua figlia Coronide.
Traghetta Dante e Virgilio attraverso la palude dello Stige.

Scopri di più sulla mitologia greca e romana

Medusa

Medusa (Μέδουσα)

Inferno IX 52-63

Personaggio della mitologia greca; insieme con Steno ed Euriale, è una delle tre Gorgoni, esseri che avevano il potere di pietrificare chiunque avesse incrociato il loro sguardo.
Medusa fu affrontata da Perseo, che utilizzò lo scudo donatogli da Atena come specchio, evitando così di guardarla. Perseo la decapitò e portò la testa con sé, usandola come arma.
L'intervento di Medusa è invocato dalle Furie dinanzi alle mura della città di Dite, e Virgilio raccomanda a Dante di voltarsi e coprirsi gli occhi con le mani, per evitare di essere pietrificato.

Scopri di più sulla mitologia greca e romana

Farinata

Farinata degli Uberti

Inferno VI 79, X 13-51 e 73-136

Manente degli Uberti (Firenze, 1212 circa – Firenze, 11 novembre 1264), detto Farinata per il colore biondo chiaro dei capelli, fu un condottiero ghibellino, appartenente ad una tra le più importanti famiglie nobili fiorentine.
Dante lo cita nel VI canto dell'Inferno e lo incontra nel X, tra gli eretici, in particolare tra gli epicurei che non credono nella vita dopo la morte.